fbpx

Il porto di Tianjin riceve il primo lotto di GNL tramite la “Ice Silk Road”

30/08/2019

 

La “Via della seta sul ghiaccio” favorirà il rifornimento di gas naturale liquefatto in Cina

 

 

Il trasportatore russo di gas naturale liquefatto (GNL), Vladimir Rusanov, ha recentemente spedito circa 70.000 tonnellate di GNL al terminal GNL della China National Offshore Oil Corporation (CNOOC) nel Tianjin della Cina settentrionale, secondo quanto riferito da Economic Daily il 27 agosto.

 

Si è trattata della prima volta che il porto di Tianjin ha ricevuto un vettore di GNL salpato dal circolo polare artico attraverso la “Via della seta sul ghiaccio”

 

Questo significa che i cittadini di aree come la regione di Pechino-Tianjin-Hebei potrebbero usare il GNL dal circolo polare artico quest’inverno. Negli ultimi anni, i leader di Cina e Russia hanno menzionato in molte occasioni la costruzione di una “Via della seta sul ghiaccio” attraverso lo sviluppo di rotte marittime artiche.

Vladimir Rusanov è uno dei frutti del progetto Yamal LNG, il primo progetto di cooperazione energetica Cina-Russia su larga scala attuato in Russia dopo la proposta della Belt and Road Initiative (BRI). Il progetto Yamal LNG è stato messo in servizio nel 2017.

 

È di gran lunga il più grande progetto di costruzione di impianti GNL al mondo.

 

Distiguendosi per sicurezza e rapidità, la Via della seta sul ghiaccio aiuta le navi ad evitare la minaccia dei pirati in Somalia e nell’Oceano Indiano, abbreviando significativamente i tempi di viaggio e riducendo i costi di trasporto.

Secondo una fonte affidabile, Vladimir Rusanov arrivò al porto di Tianjin attraverso l’Artico e lo Stretto di Bering, con un tempo di percorrenza del 60 percento in meno rispetto al percorso tradizionale attraverso il Canale di Suez.

 

La Via della seta polare dovrebbe dare nuova vitalità al consumo energetico della Cina.

 

In particolare, con maggiori sforzi per favorire lo sviluppo dell’estremo oriente russo, la Russia rafforzerà la cooperazione bilaterale con la Cina nel settore energetico attraverso la Via della seta sul ghiaccio, che faciliterà efficacemente la carenza di gas naturale in Cina durante i mesi invernali.

La Russia garantirà una fornitura annua stabile alla Cina di almeno 4 milioni di tonnellate di GNL attraverso la Via della Seta Polare, riferiscono i rapporti pertinenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *