fbpx

Qualità a basso prezzo: Ye Guofu rivoluziona il mercato dei prodotti “haitao”

25/09/2017

Chiunque passeggi per le strade di Pechino o di qualsivoglia grande città cinese, sicuramente avrà notato gli store MINISO dalla sgargiante luce rossa. Di cosa stiamo parlando? Di un vero fenomeno di tendenza e di integrazione multiculturale che ha conquistato il Dragone. MINISO è infatti un brand fondato nel 2013 dal giovane imprenditore cinese Ye Guofu e dal  designer giapponese Miyake Junya. I suoi punti di forza che hanno stracciato la concorrenza sono l’eccellenza dei loro prodotti, la creatività ed il basso prezzo. In soli tre anni sono stati aperti quasi duemila punti vendita in Cina, riuscendo a fatturare circa dieci miliardi di RMB solo nel 2016. Ma la corsa di questo “creative shop” non finisce qua, dal momento che il brand sino-giapponese opera in oltre sessanta paesi al mondo. Creatività, qualità, prezzi competitivi. Queste le parole magiche di Ye Guofu e del modello di business adottato da MINISO aprendo così la strada per la nuova idea imprenditoriale del rampante capitano d’industria che, dicono gli esperti, stravolgerà il concetto di mercato connesso al retail offline: “199 Global Shopping”.

Qualità, ma a prezzi competitivi, come è nata l’idea?

Durante i numerosi viaggi di lavoro in America quanto in Europa, ma anche in Giappone e Corea, Ye Guofu, per sua ammissione, è stato molto impressionato da come i turisti cinesi portavano con se al termine di una vacanza numerosi prodotti stranieri. L’imprenditore ricorda sempre come nell’aeroporto internazionale di Narita a Tokyo era solito vedere un consistente numero di turisti cinesi portare a casa quei gadget più in voga come cosmetici, ma anche oggetti di tutti i giorni come le “pentole per il riso” elettriche o addirittura i famosi copriwater giapponesi. Queste scene hanno fatto accendere l’ingegno e l’inventiva di Ye Guofu. Negli ultimi anni nel Paese di Mezzo si è assistito ad un concreto e reale incremento della qualità della vita, nonché ad un aumento della possibilità di spesa della popolazione stessa, ma non ci sono molti canali in Cina per acquistare prodotti d’importazione con un buon rapporto qualità-prezzo.

199 Global Shopping è quindi la soluzione proposta per venire incontro alle esigenze di una nuova schiera di consumatori cinesi. Non a caso il nome di questo nuovo shop online sta ad indicare una selezione di prodotti più apprezzati dai consumatori cinesi in 199 Paesi al mondo. Attualmente la piattaforma ha già costruito una rete di acquisto diretta con questi Paesi, vale a dire che i prodotti venduti sono acquistati direttamente dai fornitori stranieri per offrire ai consumatori cinesi merce di miglior qualità, ma ad un prezzo estremamente basso, proprio come la filosofia base di MINISO. Gli esperti pensano che questo nuovo approccio rivoluzionerà il pur avveniristico “New Retail” lanciato da Jack Ma. Secondo Ye Guofu, la chiave centrale del “New Retail” non è  l’integrazione tra online e offline, ma, come detto, il prodotto. Riuscire a fornire prodotti di alta qualità  a basso prezzo, sfruttando le nuove risorse offerte dal web e tecnologie avanzate per regalare ai consumatori un’esperienza di acquisto nuova e un rapporto qualità-prezzo di alto livello.  Attualmente, il mercato del cross-border cinese è suddiviso principalmente dai tre colossi dell’e-commerce: TMall International, JD Worldwide e Kaola Global. Fin’ora non c’è ancora nessuna realtà offline di acquisti cross-border che sia abbastanza forte da poter essere in grado di rivaleggiare con le realtà online. Ed è per questo che 199 Global Shopping si focalizzerà principalmente sulle vendite offline, evitando così astutamente di fronteggiare faccia a faccia i big player online.

Ye Guofu punta infatti ai punti deboli dei siti di compravendita, per innalzare il suo brand. Le lamentele che troviamo frequentemente sui social network per quanto riguarda l’acquisto di prodotti importati sulle piattaforme sono spesso legate alle questioni relativamente al luogo di produzione, al lungo tempo d’attesa dell’ordine e ad un prezzo più alto del dovuto. Tutto ciò sarà evitato dall’offerta del creatore di MINISO. Infatti tutti i fornitori di 199 Global Shopping sono stati scelti attraverso una rigorosa selezione per garantire l’autenticità dei prodotti fin dall’origine. Inoltre tutta la merce venduta da 199 Global Shopping dovrà essere tracciabile, e dotate di tutte le certificazioni che ne richiedono. Per quanto riguarda i costi, 199 Global Shopping che di fatto è basato su una catena di negozi fisici, può offrire un prezzo più basso rispetto ai canali online, dato che quest’ultimi devono investire somme piuttosto elevate per la logistica e gestione del marketing online. Nel 2016, 199 Global Shopping ha aperto il suo primo store fisico a Shenzhen, e da allora ha aperto più di 30 negozi in città come Guangzhou e Foshan. Il suo obiettivo nel 2017 è di arrivare fino a cento negozi e fino a mille nel 2018.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *