Rientrano in Cina i laureati all’estero

26/06/2018

 

I rimpatriati laureati oltremare cercano opportunità nelle nuove città di primo livello

 

 

La Cina sta accogliendo un massiccio afflusso di rimpatriati, dal momento che un numero crescente di laureati oltreoceano rientrano nel paese per cercare opportunità di lavoro.

Le nuove emergenti città di primo livello sono diventate gradualmente destinazioni comuni per i rimpatriati, con un appeal sempre maggiore rispetto agli anni precedenti, secondo il rapporto pubblicato dal sito web di business networking LinkedIn.

 

Il rapporto afferma che mentre Shanghai e Pechino occupano i primi due posti nella classifica delle città popolari, ma stanno anche gradualmente perdendo il loro appeal.

 

La città orientale di Hangzhou, nella provincia di Zhejiang, ospita la sede del gigante dell’e-commerce Alibaba e una filiale della società leader cinese NetEase, aggiudicandosi il quinto posto nella lista delle città più attraenti.

Seguono nella lista Chengdu nella provincia del Sichuan e Nanjing nella provincia del Jiangsu. Percependo il talento come motore principale per l’innovazione e per la crescita economica, una vasta gamma di città cinesi, in particolare le nuove città di primo livello, hanno implementato politiche favorevoli ai giovani talenti, come l’offerta di sussidi per l’alloggio.

 

La scelta è anche in linea con la richiesta di un modello di sviluppo equilibrato per la crescita economica in tutta la nazione.

 

LinkedIn ha rilevato che la tendenza riflette anche il crescente potenziale per l’innovazione e l’occupazione delle imprese in nuove città di primo livello, fornendo ampie prospettive e consentendo alle persone in cerca di lavoro di avere una qualità della vita migliore rispetto al vivere in città di primo livello altamente competitive.

“Per essere in prima linea nella corsa globale, la Cina deve cogliere nuove opportunità per incrementare la crescita economica e le competenze saranno fondamentali per cogliere l’opportunità”, ha affermato Lu Jian, presidente di LinkedIn China.

Wang Xina, group manager del content marketing di LinkedIn China, si è espresso d’accordo, aggiungendo che il numero dei rimpatriati dall’estero è in aumento. “Vedendo il grande potenziale di sviluppo della Cina, sempre più laureati d’oltremare provano a tornare nel paese”, ha detto Wang.

 

Le ultime statistiche del Ministero della Pubblica Istruzione hanno mostrato che alla fine del 2016 l’82% dei diplomati stranieri aveva scelto di tornare in Cina, rispetto al 72% del 2012.

 

Il rapporto di LinkedIn mostra che il 20% dei rimpatriati ha scelto di lavorare nel settore finanziario nel 2017, rendendolo il settore più attraente per coloro che cercano lavoro di ritorno dall’estero. Il settore high-tech si è classificato al secondo posto, attirando il 13,1% dei rimpatriati lo scorso anno.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *