fbpx

Saohuo, l’app che potrebbe cambiare il mercato del food in Cina

28/08/2017

Oggi parliamo di Saohuo, un’app per l’acquisto di prodotti alimentari importati che a luglio ha ricevuto un investimento da 20 milioni RMB (circa 2 milioni e mezzo di euro) da Zhen Fund, Youshi Capital e Tencent, il gigante cinese che possiede WeChat. Ma quali sono le ragioni dietro a questo importante investimento?

Il mercato del food in Asia ed il successo di Saohuo

La particolarità di quest’app è che tratta alimenti in eccesso o prossimi alla scadenza, venduti dunque con prezzi speciali e offerte lampo. Il vantaggio è duplice: da un lato si liberano magazzini e scaffali di prodotti che stanno per scadere, dall’altro si offrono prodotti food provenienti dai mercati internazionali ad un prezzo vantaggioso (normalmente il valore dello sconto è del 30-40%).

Grazie al successo dell’app (e alla grande quantità di prodotti disponibili) Saohuo ha in seguito implementato l’offerta con una strategia di vendita innovativa, legandosi al mondo offline: l’azienda ha infatti installato dei distributori automatici in luoghi pubblici ed aziende. Da questa combinazione tra idee di marketing e integrazione tra ambienti diversi è derivato il grande successo di Saohuo.

L’intuizione alla base di questo successo deriva senza dubbio dalle analisi di mercato: come riporta Sohu, in Asia il successo dei distributori automatici sta infatti assumendo proporzioni sempre più rilevanti. Nel 2016 in Giappone erano presenti 4,94 milioni di distributori automatici, ovvero un distributore automatico per ogni 26 persone. In Cina, l’azienda Youbao ha installato oltre 10.000 distributori automatici a livello nazionale, per un profitto netto stimato tra i 133 e i 152 milioni RMB (fra 16.900.000 e 19.000.000 euro).

Il passo successivo: Saohuo Xmall

L’ingente investimento in Saohuo è finalizzato non solo alla crescita dell’azienda e del bacino di utenti, ma anche a continui processi di innovazione nel servizio. Le attività di Saohuo hanno infatti continuato ad estendersi nel mondo dell’offline, abbracciando il trend dei negozi senza commessi: quest’anno hanno fatto la loro comparsa i Saohuo Xmall, ossia un modello di “smart store”, senza personale. Offrono più spazio rispetto ai tradizionali distributori automatici, occupando una superficie di circa 4 o 5 metri quadri.

Per poter usufruire di questi negozi basta:

  1. effettuare la registrazione e la memorizzazione dell’impronta del palmo,
  2. entrare nel negozio attraverso la scansione dell’impronta del palmo,
  3. scegliere i prodotti presenti nel negozio (all’interno è possibile comunicare con un assistente virtuale, se si necessita di informazioni).
  4. il pagamento viene eseguito in modo automatico, in quanto il sistema manda un messaggio agli account di pagamento digitale (tramite il sistema Alipay o direttamente Wechat Payment).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *