fbpx

Evoluzione del mercato farmaceutico cinese: marketing e sviluppo di un settore in ascesa

06/03/2018

Lo sviluppo dei medicinali e dell’industria farmaceutica portano ad una nuova percezione del prodotto cinese

 

Negli ultimi anni la Cina ha intensificato gli investimenti nell’innovazione dei medicinali, sia nella ricerca di base che nella ricerca e sviluppo dell’industria. Il mercato farmaceutico cinese è il secondo più grande al mondo, dopo quello degli Stati Uniti, raggiungeva già i 115 miliardi di vendite nel 2015. È seguita poi una ulteriore crescita.

Ancora oggi in Cina la cosidetta Medicina tradizionale Cinese (MTC) è il principale sistema farmacologico in uso nel Dragone. Instituzionalizzato da Mao nei primi anni della Repubblica Popolare – per differenziarlo dalle pratiche mediche occidentali- la MTC affonda le radici nella Medicina Classica Cinese (MCC). Attualmente nei reparti degli ospedali i pazienti, a seconda delle patologie, possono scegliere se farsi curare con la MTC o la medicina occidentale.

Il settore farmaceutico cinese affronta crescenti esigenze mediche: ad esempio, ha 114 milioni di pazienti diabetici e oltre 700.000 nuovi casi di cancro ai polmoni diagnosticati ogni anno. Allo stesso tempo, la riforma in corso della Food and Drug Administration (CFDA) in Cina mira ad accelerare il ritmo dello sviluppo farmaceutico nel paese.

L’industria farmaceutica si sta evolvendo e i prodotti leader possono adattarsi. La Cina è un mercato strategico e pieno di opportunità per i giocatori dell’industria farmaceutica. Il governo cinese desidera migliorare la propria offerta di assistenza sanitaria nel paese e affermarsi come grande potenza farmaceutica negli anni a venire.

 

Un mercato farmaceutico pieno di opportunità con priorità agli investimenti pubblici nel settore

 

Il governo cinese, mirando a sviluppare l’industria farmaceutica, dal 2009 non lesina sugli investimenti. Lo scopo di questi investimenti è partito per aumentare la quota di individui che beneficiassero della copertura assicurativa sanitaria, aumentandola dal 60% al 90% nel 2017.

A breve termine, il governo è passato ad investimenti nel settore raggiungendo un bilancio di 1,3 trilioni di euro. Gli obiettivi del paese sono quelli di istituire un sistema sanitario universale, in cui i cinesi hanno accesso a cure e servizi medici di qualità e a prezzi accessibili.

 

Crescita guidata da fattori demografici e sociali

 

La Cina è posizionata come uno dei più grandi mercati farmaceutici del mondo, giustificata dalle dimensioni del suo mercato e della sua popolazione. A ben guardare, il mercato può ancora ulteriormente svilupparsi. Altre opportunità verranno sfruttate in futuro per rendere il settore più sofisticato nei prossimi anni.

Il mercato ha diversi motori di crescita:

– Un mercato di massa: con un totale di oltre un miliardo di persone, lo sviluppo demografico della Cina consente agli attori coinvolti di raggiungere un target di largo consumo.

– L’invecchiamento della popolazione cinese: le previsioni demografiche sono allarmanti. Entro il 2050, la percentuale di individui sopra i 65 anni si avvicinerebbe al 24%, ovvero a più di 300 milioni di persone. L’invecchiamento della popolazione svilupperà malattie a causa di un sistema immunitario più debole, maggiori richieste di assistenza medica, assistenza domiciliare e soluzioni di e-health.

– Una crescente sensibilità della popolazione per quanto riguarda la salute. Lo sviluppo della classe sociale media genera lo sviluppo di nuove aspettative e quindi aspira a una migliore assistenza medica.

L’emergere di questa classe media porta a un modo di vivere diverso rispetto a quello che i cinesi hanno conosciuto prima. Lo stile di vita diventa più sedentario e la dieta svolge un ruolo importante nelle malattie croniche del paese in quanto si diffonde una alimentazione più grassa, salata e dolce.

 

Un mercato con fiducia per le marche straniere

 

Mentre il mercato è in crescita per il paese, rimane complesso e frammentato. La distribuzione nell’industria è difficile da apprendere poiché si può contare su una media di 2/3 intermediari tra le case farmaceutiche e il farmacista, il che giustifica i prezzi elevati praticati su questo tipo di prodotti.

Inoltre, questa distribuzione è spesso accusata di mancanza di trasparenza. Per illustrare l’inefficienza, le prime dieci aziende controllano solo il 20% del mercato, quando la media internazionale in questo settore è di circa il 50%.

Il settore farmaceutico non sfugge alla popolarità dei marchi stranieri, che sono ancora visti come garanzia di qualità e innovazione. Possiamo trovare una correlazione tra la sensibilità cinese per quanto riguarda la loro salute e l’acquisto di marchi stranieri. L’evoluzione e la situazione attuale dei marchi stranieri nel mercato cinese mostrano indubbiamente le caratteristiche uniche di un mercato emergente.

 

L’industria farmaceutica cinese è il settore che realizza più campagne promozionali

 

Tuttavia, il paese sta reprimendo sempre più la pubblicità in questo settore, a causa dei rischi possibili cadendo nella falsa pubblicità. Definibile in generale “falsa” anche perchè la pubblicità farmaceutica vieta la rappresentazione di esperti medici e le testimonianze di persone realmente affette da malattie.

Prima di qualsiasi distribuzione nel paese, le pubblicità devono essere approvate dal Dipartimento per la conformità al mercato dei medicinali SFDA e dalle autorità locali dove questa pubblicità sarà trasmessa.

 

Quali gli sviluppi per l’industria straniera?

 

Il mercato ha molte opportunità di crescita per i brand settoriali, come portare avanti obiettivi di innovazione attraverso partnership straniere.

Il contesto cinese è più focalizzato sulle aspettative e sulla domanda che sulle innovazioni che i maggiori gruppi farmaceutici possono portare sul mercato, specialmente in termini di farmaci per le malattie più comuni.

Tuttavia, le innovazioni esistenti sul mercato sono copiate solo dagli attori cinesi coinvolti. Gli attori non hanno la necessaria ricerca e sviluppo per sviluppare nuovi prodotti e cercano solo di migliorare i prodotti già commercializzati.

Per compensare ciò, molti gruppi locali stanno cercando partnership con aziende farmaceutiche straniere per sviluppare prodotti farmaceutici unici e innovativi.

Questa soluzione consente una situazione vantaggiosa per tutti, in quanto il vincolo che le aziende straniere devono affrontare quando entrano nel mercato cinese è la durata dei processi di approvazione dei farmaci sul mercato, che può richiedere più di 5 anni.

 

Opportunità attraverso la differenziazione e per i prodotti biofarmaceutici

 

Il mercato generico in Cina è altamente competitivo e in molte realtà internazionali si sono già posizionate in questo segmento per sviluppare le loro vendite. Tuttavia, gli USP sono molto richiesti in questa gamma di farmaci. In effetti, una tendenza verso i generici portando una nuova caratteristica (modalità di amministrazione, gusto e molto altro) è nota e apprezzata dai clienti.

Per quanto riguarda la biofarmacia, gli attori locali dipendono ancora dall’influenza delle industrie straniere in questo segmento. In un mercato in cui l’ambiente disuguale delle popolazioni è visibile, offrire terapie che una grande popolazione può permettersi è la soluzione più adatta.

 

Una tendenza cinese: l’acquisto online di farmaci

 

L’e-commerce in Cina è un canale sempre più utilizzato dai consumatori cinesi e sta per essere un vettore di crescita è un’opportunità per gli operatori del mercato. Nel 2016 la vendita delle farmacie online in Cina rappresentava già il 3% del mercato totale.

Con la diffusione della vendita di alcuni prodotti farmaceutici anche sui siti dei colossi dell’e-commerce Jd.com e Alibaba è sempre più facile passare attraverso una piattaforma digitale per offrire questi prodotti e servizi, mantenendo trasparenza e visibilità nel mercato.

Non tutti i farmaci sono in vendita su quelle piattaforme ma la creazione di più farmacie online, e-commerce specializzati e ritenuti affidabili nella vendita di questo particolare tipo di prodotti, è un bisogno che si tramuta nello sviluppo di un vero e proprio commercio online farmaceutico, una trasformazione dall’offline all’online della vendita.

I cinesi sono consumatori iperconnessi e molto esperti del loro ambiente. Capaci di Eseguire numerose ricerche prima dell’acquisto, questo approccio diventa fondamentale nel mercato farmaceutico.

Dopo i vari scandali sanitari del paese, il consumatore sta diventando sempre più consapevole di ciò che vuole in termini di prodotti farmaceutici. La reputazione dell’azienda sta diventando sempre più importante per stabilire un rapporto di fiducia con le persone e portarle all’acquisto online.

 

Interesse per i farmaci francesi

 

Il mercato della farmacia francese ha particolarmente successo nel Dragone, in particolare nel segmento dermatologico. Le farmacie francesi sono garanzia di qualità per i cinesi, che si sentono rassicurati e consigliati da veri professionisti quando entrano a contatto con il camice bianco del caro farmacista.

Il segmento dermatologico è un’opportunità per i marchi francesi che desiderano sviluppare le proprie attività in Cina. La Francia è notoriamente considerata il paese migliore per le cure dermatologiche. Per esempio i cinesi sono particolarmente attratti dai prodotti provenienti dalle fonti di acqua termale, che è anche uno dei prodotti di punta dei turisti cinesi quando visitano l’Europa.

Il mercato della salute rappresenta molte opportunità interessanti di commercializzazione, da sviluppare a lungo termine, in quanto le compagnie straniere hanno un certo vantaggio competitivo rispetto agli attori locali. Ma il mercato cinese anche nel settore farmaceutico è in sviluppo, grazie alla sua forza di innovazione, che, assieme alla liberalizzazione delle normative nazionali, consente di motivare le società locali a progredire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *