fbpx

Shanghai rappresenta la più forte capacità di consumi in Cina

16/07/2019

 

L’hub finanziario cinese, Shanghai, rappresenta la più forte capacità di consumo nel paese, secondo quanto riferito da Yicai, il quotidiano finanziario cinese.

 

 

La capitale di Pechino è arrivata seconda nella classifica delle prime 10 città cinesi con la più forte capacità di consumo, seguita al terzo posto da Guangzhou nella provincia del Guangdong meridionale.

 

L’elenco è stato formulato sulla base delle vendite totali al dettaglio di 40 grandi città cinesi, un importante indicatore della capacità di consumo di una città.

 

Le vendite al dettaglio totali di beni di consumo di Shanghai nel 2018 hanno raggiunto 1,27 trilioni di yuan ($ 185 milioni), in crescita del 7,9% su base annua. Le vendite al dettaglio online di beni di consumo hanno registrato una crescita annua del 15,8% a 150,67 miliardi di yuan l’anno scorso, pari all’11,9% del totale, secondo i dati dell’Ufficio statistico comunale di Shanghai.

 

Nello stesso periodo, le vendite al dettaglio totali di beni di consumo di Pechino sono cresciute del 2,7 percento a 1,17 trilioni di yuan, diventando gli unici due membri del trilione-yuan club insieme a Shanghai.

 

Come centro per il commercio, i trasporti, la logistica, l’istruzione e la medicina in Cina meridionale, Guangzhou vanta molti mercati al dettaglio professionali e le vendite totali al dettaglio di beni di consumo hanno raggiunto 925.6 miliardi di yuan l’anno scorso.

Rispetto alle città del nord della Cina, le città della Cina meridionale hanno un tasso di crescita più veloce delle vendite totali al dettaglio di beni di consumo per via delle differenze nella struttura industriale, secondo il rapporto.

In generale, il reddito disponibile pro capite delle città del sud della Cina è anche più alto delle città del nord della Cina, che devono accelerare la trasformazione industriale, secondo il rapporto. Sviluppare l’economia notturna è stata una misura importante per stimolare la vitalità dei consumi e liberare il potenziale di consumo in varie città cinesi.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *