fbpx

Shenzhen converte il trasporto pubblico all’elettrico

06/01/2018

 

Tutti gli autobus in circolazione nella popolata città cinese sono ecologici

 

 

 

Mentre il resto del mondo procede, lentamente, verso la conversione ai motori elettrici, ancora visto come un lungo processo verso un’agognata innovazione, la Cina può già vantare una delle sue principali città, che ha convertito all’elettrico ogni suo autobus in circolazione .

Nella provincia di Guangdong, Shenzhen, culla del frenetico sviluppo cinese, con i suoi 12 milioni di abitanti si era posta questo obiettivo nel 2009 e a dicembre scorso è stata in grado di annunciare all’ufficio trasporti il suo risultato. Oggi sono 16.359 gli autobus elettrici in circolazione, più di New York (5.710) e di qualsiasi altro luogo del mondo. Tutto il trasporto pubblico dell’hub della tecnologia cinese è coinvolto nel progetto, oltre il 60% dei taxi è già elettrico; e la città è solo la tappa pilota, la missione si estenderà a breve ad altre aree del dragone.

Per favorire la diffusione dei veicoli elettrici in Cina, il ministro delle finanze ha esteso fino al 2020 le esenzioni fiscali per la produzione di veicoli ecologici; anche se la fine dell’esenzione era prevista nel 2018. A beneficiarne è anche la principale azienda cinese di veicoli di nuova generazione, la BYD, fondata nel 2003 a Xi’an, l’antica capitale cinese; oggi controlla il 20% del mercato locale e si può definire un colosso del settore.

Tra le città che prevedono di raggiungere presto lo stesso obiettivo di quella che in Cina un tempo era una città di pescatori, Wuhan è in prima fila, città capoluogo della provincia Hubei, nel cuore del paese. Come riporta il People’s Daily, maggiore quotidiano cinese, le autorità hanno intenzione di arrivare nel 2022 con 40mila veicoli ecologici e 140 stazioni di ricarica, portando così le emissioni al di sotto dei 173 milioni di tonnellate.

La Cina ancora una volta non delude, nei suoi obiettivi di sviluppo tecnologico, continuando ad affermarsi e mantenendo il primato nel mercato internazionale: i produttori cinesi di veicoli ecologici controllano il 90% del mercato mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *