fbpx

Shenzhen si prepara alla convention CCEE

08/01/2018

Cifnews invitata a monitorare l’importante kermesse di due giorni sul mondo e-commerce del Dragone

 

Shenzhen, cuore dell’high-tech della Repubblica Popolare, è pronta ad accendere i riflettori il prossimo 11 e 12 gennaio su CCEE, l’importante evento annuale incentrato sul cross-border e-commerce. Sin dalla suo prima edizione, CCEE ha acquistato sempre più importanza all’interno dell’universo del mercato digitale del Dragone e non solo. Ogni anno sul palcoscenico di questa prestigiosa kermesse sono intervenuti i principali attori dell’industria del commercio online internazionale.

L’evento si rivolge non solo agli addetti ai lavori, ma anche ad aziende, startup e strutture ricettive, a store manager e gestori di e-commerce, a studenti di marketing, giornalisti e blogger che vogliono investire, comprendere ed analizzare nel dettaglio il cross border online del gigante asiatico. Il percorso formativo sarà di alta qualità e spazierà a 360 gradi sulle attività verticali del digital marketing. Quest’anno, CCEE ha preso una posizione ancora più internazionale con un occhio di riguardo ai mercati occidentali, delegati di aziende giapponesi, indiane e americane saranno sul palco per esprimere i loro dubbi e punti di vista sul commercio digitale, ma non mancherà anche  una presenza tutta italiana. Tra gli interventi ci sarà anche Francesco Borsetto in rappresentanza di Filoblu, una delle eccellenze del Bel Paese nel campo dell’e-commerce.

 

La missione di CCEE è quella di creare un ponte connettivo tra quelle aziende, cinesi e non, che vorranno investire nel cross-border e-commerce.

 

Fitta l’agenda dell’edizione 2018. La sessione di due giorni si snoderà in un’agenda ricca di interventi e round table, dove interverranno anche i big occidentali del mondo digitale come Google, Facebook e Amazon. Cifnews, partecipando come media partner ufficiale, guiderà e monitorerà le sessioni dell’evento. Un altro punto che CCEE affronterà è come affermarsi nel mercato dell’e-commerce cinese. Nonostante i numeri parlino di un chiaro monopolio a due tra Alibaba e JD, ciò non toglie che non vi siano margini di profitto per le aziende, ma bisogna stare attenti, poiché agiscono logiche e dinamiche di mercato differenti rispetto alle piazze europee o americane. Innanzitutto bisogna scegliere su quale piattaforma investire scegliendo bene il target e, secondo poi, basare il proprio brand sui social media cinesi.

 

Un appuntamento per comprendere la Cina 2.0

 

CCEE è la risposta giusta sul come e perché investire in Cina. Non solo grandi nomi occidentali, ma alla kermesse di Shenzhen parteciperanno anche rappresentanti dei due big name del mondo digitale cinese: Tencent e Alibaba. Non dimentichiamo che la popolazione del Dragone è la più “social” al mondo, non solo giovani, ma anche  uomini e donne oltre i 50 anni accedono ad internet tramite uno smartphone e fanno un uso pressoché quotidiano di applicazioni come Wechat e Weibo. Inoltre, nonostante la non presenza di uno store fisico in Cina è possibile aprire un account ufficiale aziendale su Wechat, purché il brand abbia la cosiddetta “overseas business license”. Informazioni, foto e attenzione dei contenuti, fanno sempre la differenza rispetto ai player concorrenti, ma la capacità di essere dinamici ed elastici, adattandosi ai gusti, anche grafici per quanto riguarda i siti web, della popolazione cinese, può fare la differenza.

 

Attualmente la Cina è il mercato e-commerce più grande al mondo ed in termini di numeri e fatturato ha già superato gli Stati Uniti. Innovazione tecnologica applicata al delivery system sono tra le ricette del mercato online Made in China. Droni “portapacchi” e smart box intelligenti che si aprono con lo scanner facciale dove poter comodamente prendere i propri prodotti acquistati, sono alcune delle tante innovazioni fatte nel campo della logistica che hanno fatto dell’efficienza, il primo marchio di fabbrica delle piattaforme e-commerce cinesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *