fbpx

Tra Cina ed India, arriva Google!

28/07/2020

Con il bando dei brand cinesi, Google tenta il colpo in India lanciando i suoi smartphone. Molte le incognite, a cominciare dalla tiepida accoglienza del pubblico

Google sta collaborando con il gigante indiano Jio per costruire uno smartphone entry-level da lanciare in India.  Che il mercato indiano della telefonia sia in mano ai brand cinesi, è un dato di fatto. Xiaomi, Realme, Vivo ed Oppo dominano le vendite , ma nonostante la loro avanzata in questo promettente mercato, solo un quarto degli indiani possiede uno smartphone. Ed in un momento di tensione alle stelle tra i due giganti asiatici, player esterni cercano di soffiare lo scettro ai marchi cinesi. La domanda vera è se mai Google riuscirà nel suo intento.

Nonostante le vendite di cellulari di ultima generazione siano aumentati in India, moltissimi consumatori rimangono ostinatamente fedeli ai telefoni più economici, ma meno capaci. Ora Google, insieme al gigante indiano di Internet Jio Platforms, sta cercando di cambiare le carte in tavola.

Le due società hanno annunciato questa settimana che collaboreranno per creare uno smartphone economico, che userà versioni personalizzate ed ottimizzate per un dispositivo più economico del sistema operativo Android e dell’app store di Google Play. L’accordo segna l’ingresso a gamba tesa nel mercato indiano di un gigante tecnologico americano. “Così come per i brand cinesi, anche per Google e altri, l’India rappresenta la prossima grande opportunità. Ed anche i big-tech americani, che ora si trovano indietro, non vogliono lasciarsi sfuggire questa opportunità,” ha dichiarato Tarun Pathak, direttore associato di Counterpoint Research.

Google spera quindi che il suo investimento di 4,5 miliardi di dollari in Jio trasformi milioni di indiani in nuovi mobile users. Il mercato è attualmente dominato da marchi cinesi: oltre il 70% degli smartphone venduti in India nel primo trimestre di quest’anno è di un brand cinese. Eppure, secondo uno studio di Pew Research, sono un quarto della popolazione in India possiede un cellulare. Secondo l’Economist Times of Mumbai, circa il 40-45% dei consumatori indiani possiede un dispositivo cellulare economico di Rs 1,000 (circa $ 13). 

“Questi irriducibili consumatori sono difficile da decifrare”, ha affermato Pathak. Recentemente i produttori indiani avevano lanciato degli smartphone con Android One, una versione del sistema operativo progettata per i dispositivi entry-level per l’esecuzione del software Google. Android Go, una evoluzione di Android One leggermente più caro rispetto al precedente, , ma che tuttavia non è riuscito a trovare successo in India.

“Se l’obiettivo di Google e Jio è di offrire smartphone competitivi che strizzano l’occhio a questi consumatori, questi probabilmente dovranno venderli per meno di $ 100” ha affermato Pathak.

“È molto difficile realizzare dei dispositivi  decenti a questo prezzo e per questo segmento”, ha detto senza mezze misure Navkendar Singh, direttore della della società di consulenza IDC India. “Gli stessi produttori cinesi, pur garantendo un ottimo rapporto qualità-prezzo, non sono scesi a tanto. Anzi, alcune aziende si sono volutamente concentrate solo su prodotti di fascia medio-alta”, ha dichiarato Navkendar Singh.

Google ha quindi dinanzi a sé una sfida importante, ma secondo molti qualora giocasse bene le carte, potrebbe diventare un player decisivo nel mercato indiano. Sembra che Google stia scommettendo su Jio per aiutare una versione più semplice e meno impegnativa di Android a trovare successo nel Paese. 

Parte del successo di JioPhone – una gamma di telefoni con il marchio Jio – si basa su KaiOS, un sistema operativo Made in Hong Kong. Questo è diventato sempre più popolare nei mercati emergenti ed è ampiamente utilizzato nei telefoni cellulari come Alcatel e Nokia. Tra le altre cose, Google è anche uno dei principali investitori di KaiOS. Ma la scelta del sistema operativo è solo una parte dell’equazione.

JioPhone include anche altre funzionalità che piacciono al pubblico indiano, in primis le app a marchio Jio di musica e streaming video. In ultima analisi, con la scelta del governo Modi di bannare prodotti cinesi, centinaia di milioni di persone in India hanno i telefoni cellulari totalmente bloccati. Nonostante le sfide, quindi, non è difficile capire perché Google sia interessata all’India.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *