fbpx

Tronchetti Provera: “Studiamo la Cina per la Fase 2”

13/04/2020

Tempi difficili richiedono scelte coraggiose. Questa l’idea del ceo di Pirelli: “Esempio cinese per la fase 2”

Intervistato in merito a come far ripartire il Paese, Marco Tronchetti Provera, ceo di Pirelli, non ha dubbi: dobbiamo guardare al modello cinese. Secondo Tronchetti Provera infatti, il controllo dei trasferimenti degli individuali fra regione e regione è fondamentale per evitare l’onda della contaminazione. “I controlli con applicazioni telefoniche sono stati utilissimi in Cina”, sostiene il manager. “Le polemiche sono inutili, quello che è avvenuto in Cina è un fatto oggettivo: con il rispetto della normativa sono arrivati a contenere il problema e stanno tornando alla normalità in modo molto ordinato. Noi li abbiamo recuperato il 75% dell’attività produttiva, due fabbriche su tre sono aperte”, ha dichiarato a Class Cnbc. 

Nella lotta all’epidemia di Covid-19, paesi come Singapore, Cina, Israele o Corea del Sud, hanno introdotto alcune coraggiose politiche coercitive che, nonostante abbiano fatto storcere il naso agli osservatori stranieri, sono state sicuramente efficaci nel contenere il diffondersi della pandemia. Anzi, nel caso cinese abbiamo assistito ad una ripartenza della Repubblica Popolare in un tempo relativamente breve. L’IA ha avuto, e sta avendo, un ruolo fondamentale per la lotta al contagio, a partire dalla Cina. Un primo esempio sono l’arrivo di Ping Ping ed An An, la prima coppia di droidi autodisinfettanti messi in corsia dal Guangdong Provincial People’s Hospital. I robot in questione, oltre ad essere a guida autonoma e self-charging, ridurranno il carico di lavoro dei medici nonché  i rischi di infezione. Gli automi sono in grado di aprire le porte, fornire medicine ai pazienti, creare un database per tutti i pazienti nonché filmare e immagazzinare in una banca dati il loro processo di degenza.

Dai servizi di telemedicina di giganti come Alibaba, Pingan o Tencent ai servizi intelligenti di delivery food tutto è stato supportato dalla rete 5G. Sicuramente rimangono questioni aperte circa il tracciamento delle persone e relative violazioni della privacy, tuttavia, da Pechino a Seoul per passare a Singapore, la “pragmaticità” tipica dell’estremo Oriente sembra avere il sopravvento: A mali estremi, estremi rimedi.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *