fbpx

Una lotta a tre per la supremazia nell’e-commerce cinese

02/08/2017

 

TMall, JD.com e VIP.com sono tre piattaforme di e-commerce cinesi nel settore del B2C (business-to-consumer). TMall è la piattaforma e-commerce B2C che fa parte del sistema Alibaba, possono accedervi tutti gli utenti che si trovano in Cina continentale, Hong Kong, Taiwan e Macao ed anche produttori internazionali. JD.com è nata nel 1998 come società di commercio elettronico, ha iniziato a vendere su internet nel 2004, durante gli anni ha ampliato la sua gamma di prodotti spaziando su una grande vastità di categorie merceologiche, da articoli per la casa, a prodotti per i bambini; nel 2012 accede anche al mercato europeo. VIP.com è stata la più grande azienda di e-commerce specializzata in flash-selling fino al 2013 quando ha iniziato a perdere terreno rispetto ai suoi competitor, restando ben posizionata tra le piattaforme principali per il fashion in Cina.

L’e-commerce è un mondo spietato

Quanto riportato dalla sezione News di Sohu  queste tre grandi piattaforme ambiscono tutte alla supremazia sul mercato quindi è stata innescata una guerra commerciale. JD.com e VIP.com contestano il fatto che TMall non possa obbligare i venditori a stipulare accordi di esclusività con lei. Questa mossa strategica di TMall, chiamata JBP, acronimo di Joint Business Plan, è un accordo in cui produttore, venditore e rivenditore stabiliscono una collaborazione stretta ed abbastanza duratura anche, per riuscire a sviluppare attività di marketing congiunte. Hanno aderito all’accordo di esclusività di vendita online su TMall  21 marchi tra cui InMan, un brand che vende abiti di cotone e lino costruendo la sua immagine attraverso il design semplice ma elegante, dando l’idea di essere in perfetta armonia con la natura, e diversi altri brand di abbigliamento coreano. Da quanto riportato da Sina News  JD.com e VIP.com sembrano svolgere una trattativa segreta per ottenere fusioni ed acquisizioni. Ma dal versante degli industriali ci sono molte perplessità in quanto JD.com dovrebbe versare una cifra altissima per acquisire VIP.com, ed inoltre VIP.com non ha problemi di fondi ma di flusso di utenti.

Pronostici per il futuro

La battaglia commerciale è ancora decisamente in atto, ed ognuno sta studiando l’altro per fare la prossima mossa; nel frattempo i commercianti ritengono che quest’anno il festival dello shopping dell’11 Novembre sarà ancora un nuovo capitolo di questa guerra aperta.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *