fbpx

Venchi punta all’Asia e al mercato cinese

23/01/2020

Ferrero: “Cina nostro secondo mercato in futuro”. Venchi vuole aprire 30 negozi monomarca nel Dragone. Nel mirino anche Giappone ed Indonesia 

 

Venchi sta puntando dritto al mercato asiatico. I primi target? Giappone e Cina. Venchi, storico marchio torinese oggi di proprietà di Daniele Ferrero, presidente e ceo, e azionista di maggioranza ha grandi aspettative. La solidità di Venchi è tutta nei numeri. L’azienda cresce a doppia cifra da oltre 20 anni, sia in Italia che all’estero, facendo conoscere la qualità dei suoi prodotti e del Made in Italy in tutto il mondo.

Nel 2018 Venchi ha registrato un giro d’affari di 90,5 milioni, in aumento del 14% dal 2017, triplicato in otto anni, con ebitda al 24% dei ricavi. Attualmente conta circa negozi monomarca non solo in Italia, ma anche nelle principali metropoli mondiali, tra cui New York, Singapore, Pechino, Londra, Hong Kong, Shanghai e Tokyo.

Nel 2018 Ferrero aveva chiuso due accordi di sviluppo con l’Indonesia e in Giappone, avviando una joint venture con Mitsui per aprire 40 negozi monomarca. In Cina che pesa il 15% sul fatturato, Venchi sta andando bene sul gelato. “Da qui a un anno contiamo di salire da 24 a 30-32 negozi, la Cina diventerà il nostro vero secondo mercato”, aveva dichiarato Ferrero al Corriere della Sera all’inizio del 2019.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *