Xiaomi firma un contratto con NetEase per la concessione dei diritti d’autore

07/08/2018

 

Xiaomi raggiunge un accordo con NetEase per la condivisione della musica nonostante i limiti sullo streaming musicale

 

 

Xiaomi Music ha raggiunto un accordo con NetEase Cloud Music sul trasferimento dei diritti d’autore, continuando con la tendenza della condivisione della musica sulle piattaforme web anche dopo che il governo ha vietato lo streaming di musica senza licenza, nel 2015.

 

L’accordo darà a Xiaomi l’accesso alla musica da HIM International Music e Tianyue Media, che vantano la proprietà dei diritti di artisti come SHE, Hebe Tien, Yoga Lin, Power Station e Where Chou.

 

Anche se Xiaomi Music non è un attore dominante nel mercato in questione, è stato il primo produttore di smartphone cinese ad ottenere i diritti di licenza per il catalogo Warner Music, poco dopo aver firmato accordi con Sony e Universal.

Con una percentuale di penetrazione di smartphone di 92 dispositivi ogni 100 individui, l’industria musicale in Cina è enorme. Oltre l’86% degli utenti ascolta musica sul proprio telefono cellulare, creando un mercato sempre più competitivo per le attività di streaming musicale, dominato da attori come Kuguo Music e QQ Music.

 

Questa competizione ha portato a varie denunce e violazioni della licenza tra QQ Music, NetEase Music, Alibaba’s Xiami Music e Kuguo Music, oltre che ad altri concorrenti sul mercato. Ciò alla fine ha indotto il governo a far rispettare le regole relative il copyright musicale del 2015.

 

Tuttavia, da allora c’è stato un numero crescente di accordi di licenza tra le piattaforme. Tencent Music and Entertainment (TME) ha collaborato con Ali Music Group nel 2017 per i diritti d’autore della musica. La società ha quindi raggiunto un accordo di cross-licensing con NetEase Music a seguito di contestazioni sul copyright.

Il fatturato totale per il settore dello streaming musicale è stato pari a $ 522 milioni nel 2017 e dovrebbe aumentare del 130% per raggiungere quasi $ 1,2 miliardi entro il 2022. Il ricavo medio per utente vedrà anche una crescita a tre cifre nello stesso periodo, aumentando da $ 0,84 a $ 1,69.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *