fbpx

Zuckerberg non demorde: Arriva Reels, la copia di TikTok per Instagram

15/11/2019

Dopo il fiasco di Lasso arriva Reels, una funzionalità inserita direttamente all’interno delle Storie di Instagram, usate ogni mese da più di 500 milioni di utenti. Ma è un clone di TikTok

 

La grande crescita di TikTok (Douyin in Cinese) negli States sembra non andare a genio a Palo Alto. Non è un segreto che l’app cinese sia popolarissima tra i teenager, fatto sta che ad oggi si sta assistendo ad un vero passaggio di utenti da Instagram a TikTok, senza contare anche importanti kol americani hanno abbracciato in tutto e per tutto il social di ByteDance. L’ultimo arrivano la star hollywoodiana Will Smith. 

 

Facebook ha deciso quindi di correre ai ripari. Copiando deliberatamente, ancora una volta, un trend cinese. 

 

TikTok non è solo un fenomeno in Cina. L’app è oramai presente in 150 paesi con 75 lingue. Insomma, una vera corazzata internazionale che sembra pestare i piedi a Facebook. Lo stesso Zuckerberg, in un audio carpito da The Verge, ammise senza giri di parole che “TikTok è il primo prodotto per internet creato da uno di questi giganti del tech cinese che sta facendo davvero bene in tutto il mondo, specialmente tra i più giovani”. Ecco quindi nascere Reels, un clone in tutto e per tutto a TikTok

Zuckerberg ha deciso di copiare in tutto e per tutto alcune delle funzionalità essenziali di TikTok. in primis, quelle che riguardano la possibilità di registrare clip lunghe fino a 15 secondi e di regolarne anche la velocità, impostare la musica, realizzare duetti con altri utenti o remixare i contenuti. Per ora Menlo Park ha scelto il Brasile come mercato piota. La scelta strategica è facile da comprendere. Qui Instagram ancora sembra avere una posizione di vantaggio rispetto a TikTok. 

 

 

Facebook sembra quindi voler affilare i coltelli e sfidare apertamente ByteDance, ma in realtà questo è già il secondo tentativo di combattere sul terreno dei micro video virali e divertenti. Prima di Reels, è stata la volta della fallimentare avventura di Lasso, un’applicazione che non ha mai avuto il successo sperato, nonostante l’avvio in pompa magna. 

Quale sarà l’esito? Ancora presto per dirlo, sicuramente in questa faccenda sorge una verità ormai assodata. Come nel caso della social-commerce, trend interamente “Made in China”, questo è l’ultimo esempio di come i big tech occidentali stiano copiando apertamente i concorrenti cinesi. Che la posizione di creatività digitale si sia invertito? Sembrerebbe di si.

 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *